Chiamaci al Numero
0884.309989

Orari Call Center
Lun-Sab | 09.00 - 13.00 // 16.00 - 20.00

Foresta Umbra

Foresta Umbra è una riserva naturale che si estende per circa 10.500 ettari all’interno del territori del Gargano. Si tratta di una vera è propria opera d’arte architettonica costruita nei secoli dalla natura stessa. Ci sono diversi pareri in merito a da dove si sia originato il nome “Umbra”. C’è chi dice che si riferisca agli Umbri, antico popolo che abitò in questo territorio, altri invece lo attribuiscono al fatto che la vegetazione di questa riserva naturale è così rigogliosa e fitta da creare vaste e intricate aree ombrose che il sole non arriva a penetrare.

La Foresta Umbra è prevalentemente costituita da alberi dall’alto fusto, ed è macroscopicamente suddivisa in tre zone in base la tipo di vegetazione che vi cresce. Essa è riccamente disseminata, fra gli altri, di faggi, aceri, querce, tigli, lecci. Nel sottobosco poi si possono ammirare, in un’atmosfera quasi da fiaba, diverse variopinte specie di orchidee, anemoni, viole e ciclamini.

Consigliamo vivamente di avventurarsi in incantevoli escursioni a piedi o in mountain-bike per i 14 sentieri creati dal Corpo Forestale dello Stato che solcano questo meraviglioso esempio di natura intatta. I sentieri sono infatti facili da percorrere, e le indicazioni poste all’inizio di ogni sentiero danno informazioni complete sulla durata del percorso e sui nomi dei luoghi di partenza e d’arrivo. Lungo tutti i sentieri inoltre sono presenti sui tronchi degli alberi, indicazioni che circoscrivono il cammino. Volendo poi fermarsi e ristorarsi, sono presenti qua e là aree attrezzate.

Non meno importante della flora, è la fauna della Foresta Umbra. Qui possiamo trovare tanto specie rarissime quanto specie comuni. In questa zona infatti troviamo, fra gli altri, il capriolo, il gatto selvatico, il tasso, la martora. Tra i volatili ci si può imbattere nel picchio, nel gufo reale, nello sparviero. La Foresta Umbra inoltre conserva al suo interno esemplari di alberi che detengono dei primati, quali un pino d’Aleppo di 700 anni, o ancora il Cerro di Vico, che ha 400 anni ed una circonferenza di oltre 5 metri, oppure un faggio alto più di 40 metri.