Chiamaci al Numero
0884.309989

Orari Call Center
Lun-Sab | 09.00 - 13.00 // 16.00 - 20.00

Il Pesce del Gargano

Il mare terso ed incontaminato che bagna le coste del Gargano, è anche rinomato per la ricchezza di specie fra pesci e molluschi che lo popolano. In particolare nella zona delle Isole Tremiti, grazie anche alle correnti marine, si radunano varietà tra le più disparate che rendono questo mare se possibile ancora più pescoso. Ovviamente, vista l’inclinazione marinara dei paesi costiere del Gargano, nel tempo si sono sviluppate svariate tecniche di pesca, diverse in base al tipo di pesce che si intende pescare ed al periodo dell’anno.

I Dentici e le ricciole vengono pescati prevalentemente durante la primavera e l’autunno, tramite la pesca a traina. Sempre in questi periodi, vengono pescati i palamiti, pesci pregiati della famiglia del tonno, tramite le reti. Il palamito viene quindi, secondo l’uso di queste zone, messo sott’olio. Esso vien poi tagliato e bollito, poi pulito e fatto asciugare. Sul palamito viene poi versato dell’abbondante e prelibato olio extra-vergine d’oliva tipico di queste zone. Esso verrà quindi utilizzato per accompagnare invitanti insalate, oppure potrà essere gustato anche come protagonista di piatti insaporiti con altri prodotti tipici delle terre del Sud, come capperi, pomodori e cipolle.

Nella tradizione culinaria pugliese, c’è anche spazio per le meduse, di solito spiacevolmente ricordate per le punture urticanti che procurano in mare. Esse invece in primavera vengono pescate in queste zone, e grazie alla delicatezza e alla morbidezza della loro polpa, vengono cotte al cartoccio, oppure semplicemente bollite, o addirittura fatte a polpette (piatto tipico delle Isole Tremiti), e sono una vera prelibatezza. Fino al periodo antecedente l’estate si pescano anche le rane pescatrici; esse sono rinomate in tutta Italia per la loro bontà, ma nella zona del Gargano persino il loro fegato costituisce l’ingrediente principe di una deliziosa portata. Esso viene infatti rosolato assieme alle cipolle.

Durante l’estate poi, chiaramente anche grazie all’imponente afflusso turistico, si affilano qui tutte le armi da pesca. Consigliamo di assaggiare la gustosa zuppa di pesce, tradizionale del Gargano, fatta con pesci anche non pregiatissimi, ma le cui carni hanno un sapore squisito. Qui potrete persino gustare l’insolito “grongo”, serpente marino, utilizzato per produrre una salsa molto gustosa. Non mancano nemmeno piatti pregiati a base di aragoste ed astici, cotti alla brace ma buoni anche semplicemente lessati. Insomma c’è n’è davvero per tutti i gusti.