Chiamaci al Numero
0884.309989

Orari Call Center
Lun-Sab | 09.00 - 13.00 // 16.00 - 20.00

Il comune di Peschici chiede aiuto per salvare l’abbazia di Santa Maria di Càlena

I gioielli della storia esistono anche in Puglia. A Peschici, l’abbazia benedettina di Santa Maria di Càlena rischia la sua stessa esistenza a causa degli agenti atmosferici che erodono la struttura e per colpa del tempo che la rende sempre meno attraente agli occhi dei turisti. Edificata nell’872 d.C. per merito di Pietro Giannone, Santa Maria di Calena rappresenta il più alto esempio di architettura meridionale, una chiesa costruita seguendo i dettami dei più grandi maestri d’arte europei e mondiali.

Nel giugno 2009 Santa Maria di Càlena subisce il crollo del tetto dell’abside. 1139 anni di vita sembrano così spegnersi di fronte agli occhi dei turisti, ma soprattutto di fronte a quelli delle autorità che appaiono poco preoccupate dell’accaduto. Eppure anche Emile Bertaux nel 1904 ne resta incantato, dedicando a Santa Maria di Càlena alcune delle preziosissime pagine del suo monumentale volume “L’art dans l’Italie méridionale”, nel quale descrive le meraviglie delle due chiese che costituiscono tutt’oggi la pianta dell’abbazia.

Una struttura originale, raffinata, un trait d’union tra l’antico e il moderno, Santa Maria di Càlena si ispira ai modelli francesi della Borgogna e nel tempo, si propone come esempio architettonico anche per altre abbazie della provincia di Barletta, Bari e Lecce, le quali saranno utilizzate, nel tempo, da pellegrini e crociati da tutto il mondo. Svolge una funzione chiave nel corso della storia: controlla i pascoli, stabilisce i diritti sulla pesca, diventa una mensa monastica fino a essere un punto di riferimento per laici e religiosi.

Un monumento così importante storicamente, culturalmente e artisticamente resta inosservato e non gode della considerazione del suo popolo e delle autorità che dovrebbero tutelarlo. I turisti che ogni anno si recano a Peschici e in tutto il Gargano chiedono giustizia, affinché Santa Maria di Càlena riceva la giusta attenzione e affinché gli addetti ai beni culturali avviino lavori di restauro. La perla della storia del basso medioevo chiede di rinascere, chiede la stessa cura e la stessa attenzione che si prestano per opere di maggiore notorietà. Si è già atteso troppo. E’ ora di rimboccarsi le maniche.

Failed to execute query: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near '' at line 1
SQL: SELECT * FROM `strutturericettive` WHERE `id` =